Tribunale Ecclesiastico Interdiocesano

Con il Decreto del 19 marzo 2016 viene costituito il Tribunale Ecclesiastico Interdiocesano di Alife-Caiazzo, Sessa Aurunca e Teano-Calvi.
I vescovi Mons. Valentino Di Cerbo, Mons. Arturo Aiello e Mons. Orazio Francesco Piazza formalizzano la decisione avviata con il recesso delle tre Diocesi dal Tribunale Ecclesiastico Regionale Campano e di Appello.
Tale atto segue la pubblicazione – nell’agosto del 2015 – del documento di Papa Francesco Mitis Iudex Dominus Jesu, che sostituisce integralmente la procedura per la dichiarazione di nullità del matrimonio (cann. 1671-1691) prevista dal CJC del 1983, ed «ha stabilito di rendere evidente che il Vescovo stesso nella sua Chiesa, di cui è costituito pastore e capo, è per ciò stesso giudice tra i fedeli a lui affidati» (M. p. Mitis Iudex, proemium, III) e che «in forza del suo ufficio pastorale è con Pietro il maggiore garante dell’unità cattolica nella fede e nella disciplina» (M. p. Mitis Iudex, proemium, IV).
In data 28 aprile 2016, Mons. Valentino Di Cerbo è nominato Moderatore del Tribunale interdiocesano; il 1 luglio 2016, i tre Vescovi approvano ad experimentum il Regolamento del Tribunale definendo incarichi, attività di processo, svolgimento e gestione amministrativa dello stesso.
Con la costituzione del Tribunale ecclesiastico interdiocesano nell’Alto Casertano, i Vescovi sottoscrittori intendono tradurre in termini concreti i concetti di pastoralità, semplificazione e gratuità, e promuovere una maggiore “vicinanza” dei Pastori alle famiglie ferite e una più attenta  riflessione sui motivi che inducono a chiedere la sentenza di nullità del matrimonio, che, dichiarando l’assenza di una o più condizioni indispensabili per la validità del Sacramento e quindi la sua nullità, permette di celebrare nuove nozze con rito cattolico e di potersi accostare ai Sacramenti.
Un altro vantaggio riguarda le spese da sostenere per i processi, ora decisamente più contenute rispetto al tempo in cui le parcelle per periti e avvocati del settore risultavano eccessive o insostenibili per le famiglie meno abbienti.

Moderatore S. E. Mons. Valentino Di Cerbo, Vescovo di Alife-Caiazzo.
Vicario giudiziale Don Francesco Leone, Diocesi di Sessa Aurunca.
Giudici Don Luigi De Rosa, Diocesi di Teano-Calvi; Don Fausto Carlesimo, Diocesi di Telese-Cerreto Sannita-Sant’Agata de’ Goti; Don Pasqualino Del Vecchio, Diocesi di Teano-Calvi.
Difensore del Vincolo Don Enrico Passaro, Diocesi di Sessa Aurunca.
Promotore di Giustizia Don Roberto Del Basso, Diocesi di Pozzuoli.
Notaio Don Didier Nlandu Nimi, Diocesi di Sessa Aurunca; Don Luigi Migliozzi, Diocesi di Teano-Calvi.
Cancelliere Don Francesco Pinelli, Diocesi di Alife-Caiazzo.
Economo Dott. Daniele Cirioli, Diocesi di Alife-Caiazzo.
Tecnico Ing. Gerardo Izzo, Diocesi di Teano-Calvi.

Recapiti
Vico Ginnasio, 5 – 81057 Teano (CE)
Tel. 0823 885780
cancelleria@teiteano.it
economato@teiteano.it
segreteria@teitenao.it
teiteano@pec.teiteano.it
Apertura uffici: lunedì, mercoledì, giovedì, 9.00 -13.00

Tratto da Annuario 2017

Per approfondimenti e curiosità leggi qui.